GB: giudice ordina intervento su bimbo malato, mamma contro

north-middlesex-hospital_01
E’ un’ordinanza destinata a fare storia quella pronunciata oggi dall’Alta Corte di Londra, dal momento che il sistema giudiziario britannico viene rinnovato costantemente attraverso le sentenze emesse dai tribunali. Il giudice Bodey ha ordinato che un bambino di sette anni, malato di tumore al cervello, sia sottoposto immediatamente ad intervento chirurgico nonostante il parere negativo della madre.

La signora Sally Roberts, infatti, si sarebbe rifiutata di dare il consenso all’operazione perchè preoccupata dai possibili effetti collaterali del successivo ciclo di radioterapia sulla salute del figlio. Il piccolo Neon Roberts, tra l’altro, era già stato sottoposto ad un precedente intervento con relativo ciclio radioterapico e la nuova operazione sarebbe necessaria per asportare alcuni residui del male rimasti dentro il suo corpo. Il papà del bambino, Ben Roberts, separato dalla madre, aveva invece dato parere favorevole all’intervento, tuttavia anche lui si era detto preoccupato degli effetti del nuovo ciclo di radioterapia.

A togliere ogni dubbio sul da farsi ci ha pensato la sentenza dell’Alta Corte di poche ore fa, che ha ordinato di far operare il piccolo Neon Roberts dal momento che la cartella clinica e le recenti lastre al cranio evidenziano uno stato di pericolo se non si interviene con urgenza. Nella precedente udienza si era discusso soltanto sul fatto di continuare a sottoporre il bambino a cicli di radioterapia e la signora Sally aveva motivato il suo rifiuto dicendosi preoccupata da possibili effetti futuri della cura sulla salute del figlio. Le nuove lastre, presentate nell’udienza di oggi, hanno evidenziato un peggioramento della situazione e il tribunale ha immediatamente accolto l’appello del medico curante di Neon che ha fatto presente come sia necessaria un’operazione immediata con successivi cicli di radioterapia. Secondo l’emittente inglese Sky News, che ha reso pubblica la notizia, l’intervento chirurgico potrebbe essere eseguito oggi stesso.

 

Tutto ha avuto inizio la settimana scorsa, quando la signora Roberts improvvisamente non ha più portato il figlio Neon alle sedute di radioterapia prescritte dalla struttura sanitaria dopo l’intervento al cranio subito dal bambino ad Ottobre. Di qui l’ospedale si è rivolto alle autorità giudiziarie che all’inizio avrebbero dovuto soltanto pronunciarsi sul continuare o meno le cure, ma visto l’aggravarsi della situazione ecco l’ordinanza di esecuzione dell’intervento chirurgico.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!