Egitto sull’orlo del baratro

egitto-15_agosto_2013
L’assalto, ieri l’altro, delle forze di sicurezza egiziane ai migliaia di islamisti accampati in diverse piazze del paese che chiedevano il ritorno del presidente Mohammed Morsi, rimosso e arrestato dall’esercito il 3 luglio, ha provocato,al momento, la morte di oltre 638 persone e oltre 2000 feriti.

Lo stato di emergenza è stato dichiarato per un mese nel paese. Il governo ha imposto il coprifuoco al Cairo e in altre 13 province. Un’ora dopo l’entrata in vigore del coprifuoco, i funzionari della sicurezza hanno detto che la calma era tornata al paese.
Nel frattempo il Premio Nobel per la Pace e vicepresidente del nuovo esecutivo, ElBaradei ha annunciato le sue dimissioni dal governo. “E ‘diventato difficile per me continuare ad assumermi la responsabilità per decisioni che non condivido, e temo le conseguenze“, ha scritto nella sua lettera al Presidente Adli Mansour.

La situazione oggi

08:03. Piazza Tahrir sotto sorveglianza – la piazza diventata celebre in tutto il mondo perchè ha visto nascere i primi fermenti di ribellione contro il Governo del deposto presidente Mubarak, e che in seguito, è diventata punto di riferimento per tutte le manifestazioni, anche di gruppi contrapposti, palcoscenico anche del massacro dell’altro ieri, è presidiata da ingenti truppe di esercito e polizia.

07:40. La Turchia richiama l’ambasciatore – Il governo turco di Erdogan, in prima linea nella critica contro la repressione e che si è sempre opposto alla rimozione di Mohamed Morsi, ha richiamato il suo ambasciatore per consultazioni in Egitto nella notte di Giovedi.

07:39. Un gruppo di islamisti ha riferito che la polizia egiziana è entrata nella notte, dopo aver sparato gas lacrimogeni, in una moschea del Cairo, dove c’erano decine di corpi di manifestanti islamici uccisi dalle forze di polizia e dalla repressione militare al Cairo il giorno prima. Secondo un medico c’erano oltre 200 cadaveri.

07:32. Critihe a Obama – Il nuovo presidente egiziano, tramite un suo portavoce, stigmatizza le critiche mosse da Barack Obama che ieri ha fortemente condannato la sanguinosa repressione:
“Il presidente apprezza la preoccupazione degli Stati Uniti per quanto sta accadendo in Egitto. Ma la presidenza è preoccupata perchè le dichiarazioni (di Obama) non sono basate su fatti e possono incoraggiare i gruppi armati violenti”.

07:26. Un Venerdì denso di pericoli – I Fratelli Musulmani hanno chiesto ai loro sostenitori di dimostrare al Cairo per rendere questo giorno un “Venerdì della Collera”. Gli islamisti sfidano l’esercito che è stato autorizzato a sparare proiettili veri su chiunque avrebbe attaccato edifici governativi o di polizia. Dopo la preghiera tutti i fedeli lasceranno tutte le moschee del Cairo per convergere a piazza Ramses. Si teme da questo confronto un nuovo bagno di sangue.

06:34. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite invita alla moderazione Per la prima volta dopo la cacciata del governo Morsi dalla giunta militare, il 3 luglio, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha parlato con una sola voce sulla crisi politica in Egitto. Riunione di emergenza, quella notte a New York, l’istituto ha voluto che “le parti in Egitto facciano esercitare la massima moderazione”.

Ieri, il giorno dopo la repressione – La comunità internazionale condanna la violenza

Washington chiede ai suoi cittadini di lasciare il paese – Gli Stati Uniti hanno fortemente sollecitato i loro cittadini a lasciare il paese e ha coloro che stanno progettando di andare in Egitto ha consigliato di rimandare il loro viaggio.
Barack Obama ha parlato nel corso della giornata. Egli ha annunciato la cancellazione di esercitazioni militari congiunte previste nel paese nel mese di settembre.
“Gli Stati Uniti condannano con forza le misure adottate dal governo provvisorio egiziano e le forze di sicurezza”, ha posto il presidente degli Stati Uniti in vacanza sull’isola di Martha Vineyard, al largo della costa New England.

21:59. Uno dei principali movimenti anti-Morsi Tamarrod, ha esortato gli egiziani a formare “comitati popolari” per il Venerdì e difendere il paese contro quello che ha definito il “terrorismo” dei Fratelli Musulmani. Questa chiamata è stata fatta in una dichiarazione letta nel momento di più grande ascolto sulla televisione di stato, da un giovane leader molto popolare del movimento Tamarrod, una coalizione eterogenea appoggiata da milioni di egiziani, scesi in piazza il 30 giugno per chiedere l’abbandono del potere da parte di Mohammed Morsi, il primo presidente egiziano eletto democraticamente.

Ieri alle 21:50. Le Violenze di mercoledì hanno lasciato almeno 623 morti Il bilancio delle violenze il Mercoledì è stato nuovamente rivisto al rialzo. Il numero preciso delle vittime varia ancora secondo le fonti. L’agenzia di stampa Reuters, che si basa su l’ultimo rapporto del Ministero della Salute, parla di almeno 623 persone uccise negli scontri. Un portavoce del ministero ha riferito di
almeno 638 morti, riportati dalla sua parte Associated Press.

Ieri alle 21:41. “I manifestanti hanno ottenuto ciò che volevano” – I manifestanti pro-Morsi “hanno ottenuto ciò che volevano”, ha detto Ashraf El Kholy, ambasciatore egiziano nel Regno Unito. Nel corso di una conferenza stampa, l’ambasciatore ha detto che le forze di sicurezza avevano agito in maniera “umana”, mentre diversi manifestanti erano, secondo lui, armati. L’ambasciatore ha anche detto che i manifestanti avevano aperto il fuoco l’uno contro l’altro.

Ieri alle 19:00. La comunità internazionale indignata – Gli Stati Uniti hanno condannato la violenza di Mercoledì. Stesso tono in tutte le maggiori capitali mondiali.

Una revisione al rialzo delle vittime – Il Ministero della Salute egiziano ha dichiarato che più di 500 persone hanno perso la vita in tutto il paese, durante il giorno della dispersione nei luoghi di raduno dei sostenitori del presidente deposto Mohammed Morsi. I Fratelli Musulmani parlano di più di 2.000 morti.

Centinaia di sostenitori dei Fratelli Mussulmani hanno incendiato un edificio governativo al Cairo, esprimendo la rabbia di una parte della popolazione a seguito delle violenze. A Alessandria, la seconda città del paese, diverse centinaia di persone hanno manifestato contro la violenza nello smantellamento dei campi allestiti dalla Confraternita della capitale.

Le autorità egiziane hanno annunciato l’inizio del coprifuoco, imposto inizialmente locale 19:00-06:00 in undici delle 27 province del paese, sarebbe stato ritardato due ore alle 21:00.

Ieri alle 17:36. L’autorizzazione alla polizia di sparare proiettili veri – Il Ministero degli Interni ha annunciato che la polizia era autorizzata a utilizzare proiettili veri contro i manifestanti che attaccano proprietà pubblica la polizia.

Ieri alle 14:52. Le moschee trasformate in obitorio – Diversi giornalisti inviano su Twitter testimonianze agghiaccianti di scene viste nelle moschee, dove i corpi vengono accatastati in decine:”Ci sono così tanti manifestanti uccisi in una moschea al Cairo che mi bagno i piedi nel sangue e disinfettante. Terrificante.” I corpi si decompongono sotto l’effetto del calore“. “Dentro l’ospedale Rabaa improvvisato. Tutto è distrutto.”

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!