Calcio Estero Donne: il portiere iraniano accusata di essere uomo.

Calcio estero Donne – Episodio incredibile nelle qualificazioni della prima edizione della Coppa d’Asia femminile con il portiere iraniano accusata di essere un uomo. Ma nello sport femminile un caso simile era già successo.

Zohreh Koudaei
Il portiere della nazionale femminile iraniana accusata di essere un uomo

Coppa d’Asia femminile – Fa discutere la questione che si è sviluppata nel corso delle ultime ore tra Iran e Giordania. Un vero e proprio incidente sportivo e diplomatico. In occasione delle qualificazioni della prima edizione della Coppa d’Asia femminile di calcio, infatti, l’Iran ha eliminato la Giordania battendola 4-2 ai calci di rigore.

Migliore in campo il portiere iraniano Zohreh Koudaei accusata di essere un uomo. Decisivi tre suoi interventi nel corso dei tempi regolamentari e supplementari, prima di fare la differenza durante i rigori di spareggio. Il presidente della federazione giordana non è andato troppo per il sottile e, postando un messaggio pubblico su Twitter, ha ipotizzato che il portiere iraniano fosse in realtà un uomo.

Tutta la squadra iraniana, infatti, rispettando le leggi coraniche, ha giocato con il capo coperto “rendendo difficile una reale identificazione della giocatrice” sostiene il principe Ali Ben Al-Hussein, capo della delegazione Giordana del calcio. Che ha chiesto un’indagine sulla giocatrice.

La AFC, la Federazione asiatica di calcio, ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Ma la Federazione iraniana, nel frattempo, ha rispedito al mittente le accuse definendole “vergognose, pretestuose e tipiche di chi non accetta una sconfitta sul campo”.

I precedenti e il caso di Caster Semenya

Caster Semenya, straordinaria atleta sudafricana che ebbe un momento di immensa popolarità per le sue straordinarie imprese sportive. Ma anche perché, in modo nemmeno troppo elegante, quasi tutte le sue avversarie la accusarono di essere un uomo.
Caster Semenya
La sudafricana Caster Semenya in una delle sue ultime gare

Due medaglie d’oro olimpiche e tre titoli mondiali, tutti negli 800 metri, con ottime prestazioni anche sui 1500 metri. Caster Semenya, dal 2009 al 2018, ha vinto tutto quello che c’era da vincere nel mezzofondo a livello internazionale. Una corsa non particolarmente elegante ma straordinariamente potente. Un’atleta che per diversi anni è stata semplicemente imbattibile. E che proprio per questo motivo venne costretta a tutta una serie di indagini, davvero umilianti, sul proprio sesso.

Inizialmente si parlò di indagini legate all’uso di sostanze anabolizzanti, perché i valori di testosterone di Caster erano troppo alti. Ma con il tempo si scoprì che era la sua natura. Non c’erano artifici, non c’erano trucchi e nemmeno doping.

Eppure nessuno le credeva. Anche perché i suoi tempi erano semplicemente impressionanti: 25” più veloce sui limiti dei 1500 metri, 8” sulla distanza degli 800. “O è un marziano o è un uomo…” disse un delegato della Federazione internazionale di atletica leggera dopo averla vista conquistare l’oro olimpico a Londra. Le speculazioni riempirono i giornali e per diversi mesi non si parlò d’altro che della mascolinità di Caster Semenya che, sicuramente non è una donna particolarmente avvenente. Ma è anche una delle atlete più forti di tutti i tempi. Ed è donna. Così come dimostrato e certificato dai test che l’allora federazione internazionale IAAF effettuò a più riprese su di lei in tempi diversi.

Da tutta questa vicenda che avrebbe potuto distruggere chiunque, Caster Semenya ha fatto quasi un motivo di vanto e di lotta personale. Oggi è una delle donne più influenti nel settore delle pari opportunità non solo femminili ma anche delle comunità LGBT. Ha sposato la compagna con cui vive da sempre e dalla quale ha avuto un figlio fecondato in vitro da un donatore.

Ma proprio come nel caso di Caster Semenya, anche per il portiere della squadra di calcio femminile iraniano i dubbi restano. E ancora una volta verranno effettuate verifiche sulla veridicità del sesso e dell’eleggibilità della giocatrice in campo.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!