Torino – JESSICA CARROLL SCULTURE CHE VOLANO

Jessica_CarrollIn un nuovo spazio espositivo i lavori dell’artista italo-americana
Giovedì 18 Marzo 2010
in un nuovo spazio espositivo torinese, sotto la suggestiva Chiesa Bizantina di San Michele Arcangelo (Via Giolitti 44, Piazza Cavour) inaugura la mostra “Jessica Carroll. Sculture che nuotano, volano, cantano” curata da Francesco Poli con il sostegno della Regione Piemonte e della Fondazione CRT.
Nata a Roma nel 1961 dalla scrittrice Simona Mastrocinque e dall’artista americano  Robert Carroll, Jessica ha scelto Torino fin dall’inizio degli anni ’90 come patria di adozione “soprattutto per il clima culturale e artistico” in cui ha trovato “l’humus ideale” per i suoi lavori.

Vent’anni di lavoro attraverso alcune opere emblematiche, partendo dalla fotografia, per passare al disegno, alle incisioni e infine alla scultura. Protagonista indiscussa dei lavori della Carroll una natura delicata e gentile, solo apparentemente semplice,  che si incarna in lavori fortemente simbolici e di grande suggestione.
Le opere nate dallo studio della waggle dance delle api -il linguaggio con cui le api comunicano fra loro- sono un esempio importante di come la Carroll tragga ispirazione dalla natura e da ciò che in natura è già simbolico. Le api, i loro precisissimi sistemi di comunicazione, la loro rigida organizzazione sociale si contrappongono al plasticissimo ed autonomo comportamento umano evidenziando in questo modo uno dei compiti fondamentali della ragione: quello della ricerca dell’orientamento.  Con le Danze delle Api, biologia, scienza e simbologia -filtrati dall’intervento raffinato dell’artista- si incarnano in  sculture  aeree, capaci di rendere vitale e vibrante un materiale come il marmo.

La mostra è un progetto di Pegi Limone, presidente dell’Associazione Golfart, che ha anche il merito di aver portato la mostra all’interno di  uno spazio particolarmente suggestivo: la chiesa di San Michele Arcangelo uno dei gioielli della Torino barocca, tra Via Giolitti e Piazza Cavour.  Realizzata su progetto Juvarrano a fine ‘700 la bella chiesa a pianta esagonale è oggi officiata dai cattolici di rito bizantino.
“Jessica Carroll. Sculture che nuotano, volano, cantano”  resterà aperta al pubblico fino al Domenica 9 Maggio 2010 con orario continuato dalle 10 alle 19 e ingresso libero.
Per informazioni: 011-19568332

Nell’immagine: Jessica Carroll – Api ottovolanti, 2005, oro e cera d’api 40x20x25cm

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!