Home»Cucina»Cuocere e Cucinare»I migliori consigli per cuocere la polenta senza sbagliare

I migliori consigli per cuocere la polenta senza sbagliare

16
Shares
Pinterest Google+

Dalla taragna alla polenta istantanea, fino alla cottura nella pentola a pressione, tutti i consigli per cuocere bene la polenta spiegati passo dopo passo.

Come cuocere la polenta senza sbagliare? Senza dilungarci sulla storia e tradizione di un piatto tipico della gastronomia italiana, vediamo subito come preparare la polenta in casa seguendo le istruzioni. Ecco una  guida utile per tutti per cucinare una buona polenta tradizionale o quella istantanea per chi non ha tempo, ma anche le indicazioni  per la cottura nella pentola a pressione.

 cuocere la polenta

Soluzione più semplice: come cuocere la polenta istantanea

Per chi ha molta fretta, per fortuna hanno inventato la polenta precotta, ovvero la cosiddetta polenta istantanea. Seguendo le dosi indicate sulla confezione sarà sufficiente far scaldare l’acqua salata in una pentola capiente, versare a pioggia la farina e mescolare energicamente per pochi minuti. Voilà. E’ davvero semplicissimo.

Ripetiamo le istruzioni per fare la polenta istantanea:

  • Fate bollire l’acqua mettendo sale a piacere
  • Quando l’acqua è calda, versa la polenta a pioggia
  • Nel frattempo inizia a mescolare, possibilmente con un mestolo di legno
  • Di solito dopo circa 8 minuti è pronta
  • Se la vuoi più densa e meno liquida cuocila di più
  • Se inizia ad attaccarsi aggiungi un po’ d’acqua

Le dosi della polenta istantanea? I pacchi di solito sono da 4 o 5 persone, ma se non vuoi pesarla considera che 5 cucchiai di polenta con 250ml d’acqua equivalgono a una porzione per una persona. Dunque puoi anche fare tutto il pacco, quella che avanza la puoi cucinare in altro modo!

Cerchi idee? Guarda le nostre 5 ricette con la polenta istantanea

Polenta tradizionale. Prima cosa da non sbagliare: dosi polenta e acqua

Per preparare la classica polenta “gialla”, quella di mais, bisognerà in primo luogo calcolare le dosi. Per ogni persona in genere si devono contare circa 50 g di farina, mentre l’acqua necessaria alla cottura deve essere pari a quattro volte il peso della farina. Per esempio, per 4 persone sono necessari 250 g di farina e 1 litro di acqua.

Per la polenta taragna (quella mista di mais e grano saraceno) o per farine con una grana particolarmente grossa sarà prudente aggiungere un po’ di acqua in più, eventualmente anche durante la cottura, se avrete l’impressione che la polenta stia diventando eccessivamente soda.

Quanto sale usare?

saleIl sale deve essere dosato con molta parsimonia: una polenta troppo salata è davvero immangiabile. Una proporzione affidabile è di circa 1 cucchiaino di sale grosso per ogni litro di acqua, ma è comunque meglio salare poco l’acqua e, se necessario, aggiungere un po’ di sale fino durante la cottura, se si ha la sensazione che manchi. Bisogna anche tenere conto del condimento previsto: salsicce, formaggi stagionati e salumi sono elementi di per sé piuttosto saporiti, che si accompagnano meglio con una polenta poco salata.

La pentola più adatta per la cottura per la polenta

La pentola più adatta per cucinare questa pietanza è il classico paiolo di rame, ma anche una pentola antiaderente dal fondo spesso e dai bordi alti andrà benissimo.

Cucinare la polenta: i passi fondamentali

  • Per cucinare la polenta bisognerà portare l’acqua al primo bollore, quindi versare la farina a pioggia, mescolando continuamente (in modo da non formare grumi) prima con una frusta e poi, quando la consistenza lo richiede, con un cucchiaio di legno.
  • La polenta va rimescolata con pazienza: quando è ancora liquida è sufficiente rimestare ogni 5 minuti, ma verso la metà della cottura diventa indispensabile mescolarla quasi continuamente. Dal momento che si tratta di un lavoro lungo e un po’ faticoso, se amate preparare spesso ricette a base di polenta prendete in considerazione l’idea di acquistare un paiolo elettrico.
  • La cottura della polenta richiede circa 45 minuti dal momento in cui la farina entra a contatto con l’acqua bollente.
  • Una volta pronta, la polenta può essere consumata subito oppure lasciata riposare e consumata in seguito, riscaldata nel forno con un gustoso condimento, grigliata sulla piastra o persino “affogata” nel latte caldo.

Come cucinare la polenta con la pentola a pressione

Se avete a disposizione la farina di mais ma non avete il tempo e la voglia di mescolare per quasi un’ora potete provare un sistema alternativo molto efficace, purché eseguito con attenzione: è meglio non cucinare più di 250 g di farina, altrimenti si corre il rischio che gli schizzi di polenta intasino la valvola per la fuoriuscita del vapore, con il pericolo di farla saltare.

Dosi e tempo di cottura con la pentola a pressione

pentola a pressionePotete utilizzare la stessa proporzione fra farina e acqua indicata per la cottura tradizionale (1 parte di farina per 4 di acqua), ma dovrete aggiungere al totale un bicchiere di acqua in più.

Versate nella pentola l’acqua con il sale e qualche noce di burro.

Portate al primo bollore, quindi versate la polenta a pioggia, mescolando.

Quando tutta la farina appare ben distribuita nella pentola chiudete il coperchio, aspettate il fischio, quindi abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere per 20 minuti.

Spegnete la fiamma, fate uscire tutto il vapore, aprite il coperchio, mescolate e servite.

È possibile che con questo sistema un po’ di polenta resti “attaccata” sul fondo della pentola, cosa che peraltro può accadere anche durante la cottura tradizionale.

Vedi anche: 14 ricette sfiziose con la polenta

No Comment

Leave a reply

Previous post

Chi è la bellissima Gigi Hadid e perché molti la odiano

Next post

Scioperi dicembre 2015