E tu, quanti anni hai? Tra 35 e 45

Fotolia_14471676_XSL’epidermide è ancora bella ma è ora di correre ai ripari, perché le normali creme idratanti non bastano più. Ma con una buona cura della pelle, è possibile mantenerla giovane ancora a lungo


Le rughe iniziano a notarsi (soprattutto nel contorno occhi e labbra), compaiono le prime macchie scure… La causa? Entrano in gioco fattori ormonali che ne indeboliscono il naturale processo di rinnovo cellulare. L’epidermide perde elasticità e tono, trattiene meno i liquidi, il colorito appare spento. Se poi aggiungiamo i normali danni da foto invecchiamento (provocati dall’esposizione ai raggi ultravioletti), si capisce il motivo per cui bisogna intervenire con trattamenti urto e con concentrazioni di principi attivi più elevate. La parola d’ordine, quindi, è stimolare il turn over cellulare. Che equivale a dire che le normali creme idratanti non bastano più.

Oltre a prodotti più ricchi di principi attivi (per stimolare la produzione di acido ialuronico, collagene e fibre elastiche), un grande aiuto arriva dalla ricerca cosmetologica: le specialità di ultima generazione sono in grado di riparare il dna cellulare e, letteralmente, portare indietro nel tempo le cellule madri.

Poi, una volta a settimana, è d’obbligo un peeling delicato da alternare a una maschera rivitalizzante. Infine, è questo il momento per iniziare interventi medici-estetici soft, veloci e senza effetti collaterali, come la biorivitalizzazione (una terapia anti-age che fa uso di sostanze naturali per stimolare la produzione di collagene ed elastina.) o con le micro inziezioni di acido ialuronico (si utilizza un ago sottilissimo a livello del derma, con una tecnica chiamata “a felce”, per re-immettere nei tessuti l’acido ialuronico, indispensabile per sostenere l’impalcatura dei tessuti).

di Cristiana Gentileschi

Scopri la beauty routine più efficace per le pelli con meno di 35 anni

Hai più di 45 anni? Ecco i consigli più efficaci per la tua pelle

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!