Usa: madre spinge il figlio morto sull’altalena per 2 giorni

Usa: la polizia trova una madre al parco giochi che spinge il figlio di 3 anni, morto, sull’altalena. Forse la donna ha passato 2 giorni a spingere il piccolo già cadavere. L’autopsia non ha ancora spiegato la causa del decesso.

usa madre spinge figlio morto su altalena

Usa: una storia raccapricciante ci arriva dallo stato del Mariland ed è stata raccontata dai maggiori network tra cui Cnn, Fox e Abc. Una madre è stata ritrovata in stato confusionario mentre continuava a spingere l’altalena con sopra il figlio morto.

La macabra scoperta all’interno di un parco giochi

Il luogo dove è avvenuto il fatto è un piccolo parchetto giochi, il Willis Memorial Park della cittadina di La Plata, un paese di poco meno di 9 mila abitanti nella parte meridionale dello stato del Mariland, sulla costa orientale.

Il comportamento di una giovane mamma di 24 anni ha insospettito alcuni abitanti del luogo. Era stata vista la sera precedente e anche il mattino successivo, sempre nella stessa posizione e con aria quasi assente, a spingere un bambino sull’altalena, continuando quell’azione per un tempo insolitamente prolungato.

La polizia l’ha ritrovata venerdì 22 maggio, di primo mattino (poco prima delle 7), mentre era ancora intenta a muovere l’altalena con all’interno il figlio, purtroppo privo di vita.

Gli inquirenti sospettano che la madre abbia continuato a spingere il piccolo per due giorni, passando anche la notte nella zona giochi.

https://www.youtube.com/watch?v=wgKJVKeStnw

Nessun segno di trauma evidente

Sul corpo del piccolo non c’erano segni visibili di traumi o ferite. La madre è stata ricoverata in  stato di shock in ospedale dove si sta valutando anche la sua condizione psichica. Per il bambino l’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia. I giornali americani di oggi dicono che nemmeno dopo gli esami autoptici si sono potute appurare con certezza le cause della morte. Si attendono i testi di natura tossicologica.

La mamma è una donna senza fissa dimora che ancora non è stata identificata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!