The man who screwed an entire country

economist
In uno speciale di 14 pagine sull’Italia che sara’ pubblicato all’interno del numero in edicola domani, The Economist, concentra ancora la sua attenzione su Silvio Berlusconi. Il titolo e’ significativo e destinato a far discutere: ‘L’uomo che ha fottuto l’intero Paese’ (The man who screwed an entire country). Del report ha parlato l’autore John Prideaux, capo del sito online dell’Economist a Londra, durante un incontro con la stampa a Milano. L’analisi lascia emergere un’ Italia ferma che paga con la ‘crescita zero’ le mancate riforme. “Tra il 2000 e il 2010, il Pil italiano e’ cresciuto in media dello 0,25% all’anno, una dato allarmante – scrive l’Economist – migliore solo rispetto a quello di Haiti o dello Zimbawe”. Le conseguenze “dell’era di Berlusconi – si legge ancora – graveranno sull’Italia per gli anni a venire”. Detto questo, un barlume di speranza c’e’, “l’Italia ha tutte le cose che servono per ripartire”, ma come ha spiegato Prideaux, per “far decollare l’economia serve un cambio politico”.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!