Obama giura per il secondo mandato ed entra nella storia

Let’s go! Ha twittato Obama poco prima della cerimonia inaugurale del suo secondo mandato presidenziale.

“Oggi continuiamo un viaggio che non avrà mai fine”. Ha detto Barack Obama nel suo primo discorso dopo aver giurato, pronunciando la formula di rito davanti al Chief Justice John G. Robert Jr, su due Bibbie, una che fu di Abraham Lincoln e una appartenuta a Martin Luther King Jr. “La storia ci dice che la libertà ci viene da Dio, ma che tocca agli uomini sulla terra difenderla e metterla al sicuro”, ha aggiunto.

Un discorso carico di punti significativi riguardanti i diritti inalienabili di tutti gli uomini uguali per nascita, elemento d’unione tra tutti. Su questo aspetto ha poi dichiarato: “Il nostro viaggio non sarà completo fino a quando i gay non saranno trattati come tutti gli altri”.

Il discorso di Obama ha toccato anche l’argomento lavoro ed economia: “Tutti assieme sappiamo che il libero mercato può produrre prosperità solo se ci sono regole che assicurano concorrenza e correttezza tra tutti. – aggiungendo poi – “La prosperità della nostra nazione si deve fondare sul lavoro di una classe media forte”.

Obama non ha trascurato uno degli argomenti che è sempre stato a cuore di tutti i presidenti che si sono succeduti alla casa Bianca, quello della libertà e dell’autodeterminazione dei popoli: “Gli Stati Uniti “hanno obblighi verso il resto del mondo e sosterranno sempre la democrazia, dall’Asia, all’Africa, dalle Americhe al Medio Oriente. Sosterranno i diritti delle persone più umili, la libertà”.

Infine ha concluso dicendo:”Ora più che mai dobbiamo agire insieme, come una nazione, come un solo popolo”, ha aggiunto Obama.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!