New York Times: Goldman Sachs o Goldman Sex?

141311071

Backpage.com è un sito di annunci americano. Come molte piattaforme, ha le sezioni “adulti” classificati per città, e ha addirittura il 70% del mercato nazionale di annunci legati alla prostituzione. Più preoccupante, secondo Nicholas D. Kristof, editotialista famoso del New York Times, è che Backpage rappresenta il più grande forum dello sfruttamento sessuale dei minori negli Stati Uniti. Ma, spiega il doppio vincitore del Premio Pulitzer, uno dei proprietari di Backpage non è altro che … la banca d’investimenti Goldman Sachs.
“Questo sito per donne e ragazze – alcune delle quali sono minori e costrette a prostituirsi – è di proprietà di una società privata, la Media Village Voice di cui Goldman Sachs risulta essere proprietaria al 16%.
Non c’è dubbio, racconta Kristof, che la maggior parte sono adulti maturi e consenzienti. “Ma è anche chiaro che questo sito riveste un ruolo importante nel traffico di donne e minori. In un caso provato di recente a New York, il procuratore ha spiegato che una ragazza di 15 anni era stata drogata legata, violentata e venduta attraverso Backpage”.
Le attività solforose di Backpage sono ampiamente note. Lo scorso 23 marzo diciannove senatori hanno scritto una lettera a Media Village Voice, per chiedergli di smettere di sostenere il traffico dei responsabili della tratta del sesso. Recentemente, degli attivisti hanno dimostrato al di fuori del giornale Village Voice, di proprietà da Media Village Voice. E una petizione firmata da 220.000 persone ha chiesto alla società di chiudere la “pagina per adulti” di Backpage.com. E Goldman Sachs non può ignorare di avere un sito web per facilitare il commercio di donne e ragazze minorenni.
“Per essere chiari, scrive Nicholas D. Kristof: “non ho motivo di credere che gli alti dirigenti di Goldman sono personalmente a conoscenza dei legami tra l’impresa e la tratta di esseri umani. ” Ma “non ci sono prove che dimostrano che Goldman o qualsiasi altro proprietario di Village Voice Media abbia usato il suo potere per rimuovere gli annunci di escort o verificarne le età.”
La polemica lanciata dal New York Times fa rumore negli Stati Uniti. Non tanto sulla presunta responsabilità di Goldman Sachs quanto sull’opportunità di chiudere la ” pagina per adulti” da Backpage. Salon.com esamina la tensione tra una connessione internet gratuita e la necessità di lottare contro la criminalità, tra l'”orrore” che si prova di fronte al traffico minorile, e la convinzione “che gli adulti dovrebbero avere il diritto di fare quello che vogliono sessualmente, anche se questo significa una transazione finanziaria.”
Dovremmo chiudere la sezione adulti della Backpage? Niente è meno certo, dice Salon.com. “Backpage è sia un amico che peggiore nemico dei trafficanti di esseri umani. Si tratta di un canale pubblicitario ideale, ma è anche uno dei modi migliori, se non il migliore per le autorità per identificare le vittime della tratta “

Related Posts

Ben tornato!