Ebola: primo caso a New York

Primo caso di Ebola a New York  si tratta di un medico  recentemente tornato dalla Guinea  dopo una missione umanitaria svolta nell’organizzazione “Medici senza frontiere”

 New York

Il dottor Craig Spencer, che ha curato i pazienti affetti da  Ebola mentre lavorava per la carità Medici Senza Frontiere (MSF), è  stato contagiato ed è arrivato  a New York con la febbre, resosi conto dei sintomi ha immediatamente allertato il servizio sanitario cha ha provveduto a ricoverarlo al  Bellevue Hospital  dove ora viene tenuto in isolamento.  Si  tratta del primo caso di Ebola diagnosticato a New York, e  il quarto  negli Stati Uniti. Il medico da quanto sembra ha avuto quattro contatti prima di essere ricoverato.

Il sindaco di  ha cercato immediatamente a rassicurare i cittadini “Non c’è alcuna ragione per i newyorkesi ad allarmarsi”, ha detto il  Bill de Blasio. “Ebola è una malattia estremamente difficile da contrarre. I Newyorkesi che non sono stati esposti a fluidi corporei di una persona infetta non sono a rischio.” Anche il governatore Cuomo in conferenza stampa a cercato di spegnere possibili  allarmismi in quella che è la città più popolata  in assoluto, più di 8 milioni di persone vivono infatti a New York. “Non possiamo dire che si tratta di una circostanza imprevista.” Ha detto Cuomo che ha  confermato che le quattro persone entrate in contatto con il medico e potenzialmente infettive sono state individuate. “Anche la fidanzata  del dottor Craig Spencer e due sue amici sono stati messi in quarantena” hanno assicurato le autorità sanitarie della Grande Mela, che hanno voluto ricordare che il Virus dell’Ebola è trasmissibile solo attraverso i fluidi corporei. Così  le autorità governative di New york hanno voluto rassicurare cittadini e turisti in  modo da non generare il panico.

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!