Come cucinare il polpo con la pentola a pressione

Come cucinare il polpo con la pentola a pressione? E’ uno dei metodi più facili e veloci per ottenere un polpo tenero e delizioso (anche congelato) grazie alla pentola a pressione. Il segreto è nella cottura. Ecco come fare un polpo perfetto in pochi minuti.
polpo_pentola_pressione

La pentola a pressione, chissà perché, ancora oggi viene vista da molte persone con una certa diffidenza. In realtà è lo strumento ideale per molte cotture, come ad esempio quella del polpo lesso. I vantaggi sono tre: praticità, velocità e tenerezza del polpo, che può essere messo in pentola direttamente ancora congelato. Vediamo come fare.

Ingredienti polpo in pentola a pressione:

Tempi di cottura:

15/20 minuti o più (dipende dalle dimensioni)

Preparazione polpo in pentola a pressione:

Consideriamo un polpo di medie dimensioni, dunque sotto il chilogrammo. Il trucco per ottenere un polpo particolarmente tenero e morbido è congelarlo: anche se lo comprate fresco al mercato, mettetelo nel freezer per almeno 24/48 ore. Il polpo manterrà il suo gusto intatto, ma le carni, dopo la cottura, risulteranno molto più morbide. A questo punto potete metterlo dentro la pentola a pressione così com’è, ancora congelato.polpo-pp

2) Aggiungere due o tre dita d’acqua, ma non coprirlo completamente. Aggiungere un po’ di prezzemolo, poco sale e uno spicchio d’aglio vestito (questo è opzionale, in base al gusto). Da quando la pentola a pressione inizia a fischiare, far cuocere per 15 o 20 minuti: i tempi di cottura variano in base alla dimensione del polpo.

3) La preparazione sembrerebbe finita, ma non è così. Infatti per ottenere un polpo davvero morbido e gustoso a questo punto è necessario spegnere il fuoco ma lasciare il polpo all’interno della pentola a pressione, coperto, immerso nell’acqua di cottura. L’ideale è lasciarlo così per alcune ore. Ad esempio si può preparare la sera prima per il pranzo del giorno dopo.

4) Successivamente toglierlo dall’acqua, tagliarlo a pezzi e utilizzarlo per insalate – con patate e sedano, ad esempio – oppure, se il polpo è particolarmente buono, condirlo semplicemente con un filo d’olio extravergine d’oliva e un po’ di prezzemolo tritato. Naturalmente, se proprio non si vuole aspettare, si può mangiare il polpo anche subito dopo la fine della cottura, ancora caldo, magari condito con un po’ di limone.

Vedi anche: Polpo al sugo mediterraneo, Polpo al forno con verdure

4/5 (2 Recensioni)

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!