Addio ad Irving Penn, elegante fotografo di moda

Morto all’età di 92 anni, raccontò gli anni Sessanta attraverso le immagini

(25 ottobre 2009) – Irving Penn, artista della fotografia in bianco e nero, è morto il 7 ottobre nella sua casa di New York all’età di 92 anni. Famoso per le eleganti immagini di moda e soprattutto per le nature morte apparse su Vogue, è stato da sempre considerato come un gigante della fotografia americana. L’annuncio della scomparsa è stato dato congiuntamente dall’amico Peter MacGill, che era anche il suo agente, e dal fratello, il regista Arthur Penn.

Penn
Copertina di Vogue
 
 
Il fotografo fu sposato per 42 anni con la modella Lisa Fonssagrives, che fu suo soggetto di scatti di sofisticata bellezza fino alla sua morta avvenuta nel 1992. Penn si affermò  a 26 anni come assistente di Alexander Liberman per Vogue, rivista per la quale realizzò numerose copertine, fra cui la prima in still-life (natura morta) a colori per il numero dell’ottobre 1943. Penn fu anche autore di molte delle foto-icone degli anni Sessanta, come quelle dedicate alla Beat Generation e alla ”Summer Love” del 1967. Sempre a quell’anno risale la celebre foto in cui sono in posa i motociclisti della gang ”Hell’s Angels”, realizzata in uno studio di San Francisco nel 1967.
 

Insieme a Richard Avedon, Penn è stato l’altro grande fotografo di moda del secondo dopoguerra (famose i suoi scatti per Marisa Berenson), a cui si ispirò anche il regista Michelangelo Antonioni per il protagonista principale del film ‘Blow-up’. Tra i suoi tanti ritratti di vip, spiccano quelli di Edmund Wilson, W. H. Auden, Spencer Tracy, Joe Louis e Duchessa di Windsor. Penn contribuì anche a far fare il loro ingresso sulle pagine di ‘Vogue’ a intellettuali e artisti come Willem de Kooning, Isamu Noguchi, Pablo Picasso e Italo Calvino.

 

Related Posts

Ben tornato!