Bonus caldaia 2021. Guida alla detrazione

Bonus caldaia 2021 per la sostituzione di un impianto. Come funziona la detrazione 50, 65 o 110, e come ottenerla.Tutte le info per cambiare la caldaia

Bonus caldaia consente agli italiani che hanno intenzione di cambiare ed installare un impianto di riscaldamento, di fruire di un’agevolazione fiscale. In altri termini si può sostituire una vecchia caldaia con una nuova e ottenere incentivi sul risparmio energetico, che il nuovo impianto comporta.

bonus caldaia 2021

Come stabilito nella manovra finanziaria questo bonus è in vigore fino al 31 dicembre 2021. Analizziamo in questa guida tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo: a chi spetta, quali sono le detrazioni previste, la cessione del credito e come fruire del bonus mobili cambiando la caldaia.

VEDI ANCHE: BONUS CASA 2021

Bonus caldaia come funziona

Il bonus caldaia 2021 consiste in un’agevolazione fiscale, fruibile per le seguenti spese:

  • l’acquisto e la posa di una nuova caldaia
  • lo smontaggio dell’impianto da sostituire e le opere murarie (se necessarie)
  • prestazioni professionali relative all’intervento.

Dunque l’acquisto di una caldaia più efficiente rientra fra i lavori di riqualificazione energetica di un immobile. Al tempo stesso anche tutti gli interventi necessari per sostituirla in casa.

Per il 2021, come stabilisce l’Agenzia delle entrate, l’importo massimo detraibile per questo tipo di intervento può arrivare a 30.000 euro.

Sostituzione caldaia: detrazione

La detrazione per la sostituzione di una caldaia, prevede due tipologie di aliquote: 50% o 65% in base al tipo di intervento realizzato, ma attenzione anche alla possibilità di fruire del superbonus 110 di cui parleremo più avanti.

Come riporta il sito di Enea, ammontano al 50% le detrazioni per l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A.

Arrivano invece al 65% nei casi di:

  • sostituzione di impianti con caldaie a condensazione di efficienza almeno classe A e contestuale installazione di sistemi termoregolazione evoluti in classe V, VI o VIII.
  • Installazione di sistemi ibridi, ovvero costituiti da sistema integrato tra caldaia a condensazione e pompa di calore.

E’ possibile fruire di queste detrazioni in fase di dichiarazione dei redditi, allegando tutta la documentazione che dimostri le spese sostenute. Inoltre per ricevere il credito è necessario che l’immobile, dove viene installata la caldaia, sia accatastato ed in regola con il pagamento dei tributi.

L’ammontare ottenuto potrà essere utilizzato in diminuzione delle tasse da pagare in 10 quote annuali di pari importo.

Come sostituire la caldaia con il bonus 110

La sostituzione di una caldaia può anche permettere di accedere al superbonus 110 (che consiste in un credito del 110% rispetto a quanto speso), ma a particolari condizioni. Nello specifico per riceverlo è necessario che l’acquisto e il cambio caldaia, avvenga in modo congiunto ad almeno uno degli interventi trainanti necessari per il bonus 110.

Stiamo parlando di:

  • lavori di isolamento termico di superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio almeno al 25%.
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, ibridi o geotermici.

PER APPROFONDIRE: SUPERBONUS 110 LINEE GUIDA

Cessione del credito caldaia

In alternativa alla fruizione della detrazione, i beneficiari del bonus caldaia 2021 possono anche scegliere la cessione del credito.

Si tratta di un’operazione mediante cui si cede l’importo del bonus ottenuto ad altri soggetti, come ad esempio banche, intermediari finanziari o l’impresa che svolge i lavori. Essi avranno poi l’opportunità di utilizzarli in detrazione delle tasse o di cederli a loro volta.

Quindi scegliendo questa operazione si otterrà subito la somma pattuita per la cessione del credito e non si dovrà più pensare ad utilizzarlo in riduzione delle imposte.

Bonus mobili 2020 con sostituzione caldaia

Il cambio della caldaia permette di usufruire del bonus mobili, ovvero della detrazione del 50% sui costi d’acquisto di nuovi mobili destinati allo stesso immobile in cui è avvenuto l’intervento.

lo conferma l’Agenzia delle entrate all’interno della sua guida sul bonus mobili, in particolare rispondendo a tale quesito nella sezione FAQ.

Ora è davvero tutto per quanto riguarda il bonus caldaia 2021, il suo funzionamento e come utilizzare il credito che ne deriva. In base ai lavori svolti è possibile ricevere un’agevolazione del 50, del 65 o del 110%, ma anche di sfruttare la sostituzione per avere l’incentivo sull’acquisto di mobili per la casa.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!