Bonus bebè 2019: ci sarà o non ci sarà? Forse no, ultime news.

Bonus bebè 2019: rischio cancellazione con l’introduzione della flat tax, e da quando? Le ultime news e cosa accade ai bonus bebè 2018

Bonus bebè 2019: nelle sue due varianti del bonus bebè 800 euro (una tantum) e del bonus bebè da 80 euro al mese è sicuramente la misura di sostegno alla famiglia più apprezzata e richiesta.

Ogni anno moltissime neomamme e tante famiglie che provano la gioia di un nuovo arrivo li sfruttano per mitigare un po’ le tante nuove spese. Ma il bonus bebè 2019 ci sarà ancora o verrà cancellato? Cerchiamo di fare chiarezza.

Perché i bonus sono a rischio?

La causa che potrebbe portare alla cancellazione di tutti i bonus bebè è la riforma complessiva del sistema fiscale con l’introduzione della cosìddetta flat tax. In sostanza il principio è: pagare meno tasse per avere più reddito togliendo una parte delle altre forme di aiuto e sostegno (detrazioni, bonus ecc.).

Meno tasse, niente bonus

Il governo Lega – Cinque Stelle ha messo in campo una revisione complessiva del sistema della tassazione del nostro paese che dovrebbe basarsi su una serie di aliquote uniche al 15 e al 20% in base al reddito annuale. Questo sistema introdurrebbe una vera rivoluzione, dato che attualmente le soglie arrivano anche al 43% (per redditi che vanno oltre i 75 mila euro).

Il contraltare è la preventivata scomparsa di (quasi) tutti bonus e delle possibilità di detrazione/deduzuone. Il progetto governativo infatti prevede:

  • per redditi fino a 80 mia euro un’aliquota del 15%, con deduzioni di 3000 euro per ogni componente del nucleo famigliare (ma solo per redditi sotto i 35 mila euro);
  • possibilità di effettuare detrazioni per spese familiari solo con redditi annuali entro i 50 mila euro;
  • cancellazione di tutte le deduzioni per redditi oltre i 50 mila euro.

L’aliquota al 20% si pagherebbe per redditi annuali superiori agli 80 mila Euro.

Bonus bebè 2019 da 80 euro cancellato?

Il contribuente italiano può attualmente contare su un bacino di detrazioni, deduzioni, cedolari secche ecc. che si suddividono in 450 tipologie. In totale si stima che sia circa 100 miliardi di Euro all’anno l’ammontare di tutti questi “sconti” che permettono di pagare meno tasse. Molti di essi scompariranno per finanziare le due misure cardine del neogoverno, la flat tax e il reddito di cittadinanza.

In particolare il bonus bebè da 80 euro è probabilmente uno degli aiuti che andranno nel cassetto, compensati dalla minore tassazione. In merito non abbiamo notizie (e nemmeno date) ufficiali. Quello che è certo è che finché non sarà approvato ufficialmente il nuovo sistema (probabilmente dal 2020) resterà in vigore il bonus triennale da 80 euro per tutti i nati nel 2018, che dal 2019  sarà dimezzato a 40 euro al mese e  verrà limitato a una sola annualità (il primo anno di vita del neonato o il primo anno di adozione/affido).

Cosa accade al bonus bebè 800 Euro 2019?

Diverso il caso del bonus da 800 euro, chiamato anche Premio alla nascita. Situazione diversa perché qui parliamo di una misura una tantum che mira a stimolare la natalità. Il governo ha annunciato una forte attenzione a questa tematica ed essendo il bonus bebè da 800 euro una misura non continuativa ma legata all’evento-parto è probabile che non sia inclusa in tutte le detrazioni, deduzioni e bonus che scompariranno.

Il premio alla nascita è comunque è già stato confermato per tutto il triennio 2017-2019 e quindi non dovrebbe essere in discussione almeno nel breve periodo.

Vedi anche: Bonus bebè 800 euro 2018: requisiti e come fare domanda.

Se na parla comunque a partire dal 2019 (se non 2020)

Il ministro dell’economia Tria ha già dichiarato che non si effettuerà alcun cambiamento per tutto il 2018. Il sottosegretario Bagnai ha anche spinto al 2020 la riforma per quanto riguarda le famiglie. Senza contare che una riforma così corposa del sistema comporterà certamente un tempo abbastanza lungo per l’approvazione parlamentare, i decreti attuativi e i vari adeguamenti informatici e gli aggiornamenti degli uffici fiscali.

Bonus bebè 2019: 40 euro al mese e 800 alla nascita

Stando così la situazione riassumiamo quanto dovrebbe essere confermato per le neomamme del 2019. Esse potranno usufruire di:

  • bonus bebè da 40 euro 2019 (40 euro al mese), di durata annuale, in presenza di un reddito Isee annuale inferiore a 25 mila euro
  • premio alla nascita di 800 euro 2019.

Per quanto riguarda invece altri aiuti, come il bonus asilo nido o le misure di sostegno per pagare baby sitter questi potrebbero essere invece a rischio riconferma già dal prossimo anno.

Naturalmente vi daremo prontamente ogni news in merito.

Vedi anche: Aiuti famiglie 2018, tutti i bonus regione per regione.

Related Posts

Ben tornato!