“Gabanelli” il nome per il Colle del M5S

01-00200413000004x_copia
Milena Jole Gabanelli si è presa una notte per sciogliere la riserva sulla candidatura alla presidenza della Repubblica attribuitale dal Movimento 5 Stelle come risultato delle Quirinarie. La stessa, in un’intervista a Ballarò, ha detto di sentirsi “riconoscente e imbarazzata allo stesso tempo” .

Intanto Grillo, dopo aver annunciato l’esito delle votazioni online, apre al Pd: “”Caro Bersani prova a venire incontro al cambiamento. Volete il cambiamento? Ora ce l’avete, votate Gabanelli“. Quindi l’apertura a Rodotà: Se Milena Gabanelli non dovesse accettare la candidatura grillina al Quirinale, al secondo posto ci sarebbe Gino Strada, un’altra “persona al di fuori della politica con una buona reputazione”, ha spiegato l’ex comico prima di aggiungere che, ci sarebbe “Rodotà, perfetto, spendibile dalla sinistra”.
Grillo infine ha bocciato l’ex premier Giuliano Amato: “Amato è stato il cassiere e il tesoriere di Craxi per 10 anni insieme a Berlusconi”, ha detto il leader di 5 Stelle, prima di aggiungere che con la candidatura di Amato al Quirinale i partiti “si stanno suicidando”.

“Qualcuno – ha concluso Grillo – ha osservato che con lei al Colle l’Italia potrebbe diventare la Repubblica delle manette. Chissà che non sia un’idea anche quella con cui toglierci qualche soddisfazione. Votare lei potrebbe essere un inizio di una collaborazione. Provi a votarla, cominciamo da lì, poi vedremo i rimborsi elettorali, la legge anti-corruzione, l’incandidabilità. Se non con Bersani, li faremo con i giovani del Pd”.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!