Nuove disposizioni Covid. Palestre e esercizi commerciali a rischio

Nuove disposizioni Covid. A rischio chiusura palestre e altri esercizi commerciali non. Le chiusure e divieti di governo e regioni.

Nuove misure restrittive in Italia, dalla chiusura delle palestre ai locali, dal coprifuoco alla chiusura degli esercizi commerciali non essenziali, come ad esempio i parrucchieri. Ecco le ultime sulle nuove disposizioni Covid.

nuove disposizioni covid

Le nuove disposizioni e restrizioni Coronavirus sono previste nel fine settimana con un nuovo Dpcm  si tratta di misure che non riguardano solo le regioni a rischio e dove l’indice del contagio è superiore a 1 bensì tutta Italia come dichiarato dal ministro Speranza

Visto che scuole e attività produttive sono intoccabili per il Governo, a rimetterci saranno i servizi non essenziali, palestre circoli e anche forse parrucchieri, oltre al possibile coprifuoco. Queste per ora sono le news che emergono dalle anticipazioni di Palazzo Chigi. Vediamo nel dettaglio cosa succede in Italia.

Vedi anche: Ultime notizie Coronavirus Italia

Nuove restrizioni covid

Il recente Dpcm del governo non ha trovato molti consensi, ad eccezione dell’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. I contagi crescono a ritmo preoccupante e per questo, come riporta ansa, ambienti del Comitato tecnico scientifico chiedono “misure più stringenti in tempi rapidi che superino l’attuale Dpcm, anche in vista del week end”.

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della salute, ha dichiarato: “Data la situazione  abbiamo indicato chiusure mirate In particolare nei punti di aggregazione come circoli, palestre, ed esercizi commerciali non essenziali“.

Insomma i contagi salgono e sono in arrivo misure più drastiche per arginare il virus. Ci sono però alcuni governatori che però hanno già preso decisioni al riguardo.

Chiusura licei e scuole

Si va verso la didattica a distanza per quanto riguarda le scuole superiori, mentre per gli altri alunni gli orari dovrebbero essere scaglionati in tutta Italia, praticamente  si parla di ingresii a giorni alterni.

In Campania invece il presidente De Luca ha stabilito la chiusura delle scuole e lo stop alle attività didattiche ed educative in presenza ad eccezione degli asili. Ciò con riferimento alle scuole primarie e superiori, come si evince dall’ordinanza n.79. Sul sito della regione Campania la decisione è stata motivata così: “per il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico”.

Chiusure in Lombardia

In accordo con il ministro Speranza, la regione Lombardia dopo una riunione con i sindaci ha già emanato la sua ordinanza e tutte le nuove chiusure e divieti per tentare di arginare il diffondersi del Coronavirus, in particolare nella città di MIlano.

Vai a Ordinanza Regione Lombardia 16 ottobre 2020

Chiusura palestre, parrucchieri e altri esercizi commerciali

Come detto in precedenza il governo non sembra intenzionato ad intervenire sulle scuole, ma ad applicare quelle chiusure mirate di cui ha parlato Ricciardi e confermate dal ministro Speranza.

Quali? Innanzi tutto le palestre, luogo di aggregazione dove si fatica a mantenere le distanze. Ma sempre secondo le anticipazioni che arrivano dagli ambienti governativi, rischiano anche i parrucchieri, i centri estetici, i cinema e i teatri ma anche sale da gioco.  Stop anche a tutti eventi, non è chiaro se fra questi vi sono anche quelli sportivi.

Queste decisioni, che potrebbero arrivare con un nuovo decreto, penalizzerebbero molto dal punto di vista economico questo tipo di attività, oltre che i cittadini.

Chiusura locali alle 22

Ma non è finita qui, perché probabilmente verrà istituito una sorta di coprifuoco, con chiusura dei locali imposta alle ore 22:00. Si tratterebbe di una misura analoga a quella già stabilita dal governo francese finalizzata a evitare la circolazione negli orari notturni e a dare unaa stretta definitiva alla movida.

Bar, ristoranti e altri pubblici esercizi potrebbero essere costretti ad abbassare le saracinesche in anticipo, con controlli rafforzati e multe per chi non rispetta le regole.

Smart Working

il governo deve solo stabilire le percentuali, ma lo smart working obbligatorio diventa sempre più una realtà per gli italiani.

 

Locdown nel fine settimana

Questa è una delle ipotesi allo studio che rientra nel pacchetto delle misure di restrizioni in arrivo. Non si conoscono ancora dettagli in merito a questa possibile restrizione.

Insomma il governo sembra essere contrario a un lockdown totale e in particolare alle chiusure nella scuole, che tuttavia rappresentano un serio problema, come testimonia il focolaio in un Collegio interuniversitario a Milano. Secondo adnkronos.com sarebbero almeno 20 i positivi in questa struttura. Ma non è l’unico focolaio in Italia. Tuttavia il problema è meramente politico, i 5 stelle sono contrari.

Queste le nuove disposizioni covid con i relativi divieti che l’esecutivo potrebbe adottare già in questo week end o al massimo entro lunedì con un nuovo Dpcm con effetto immediato

Vedi anche: Dpcm ottobre 2020 elenco divieti

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!