Milano 2020 fase 2. Come cambia in meglio la capitale lombarda. Video

Ecco la Milano della fase 2. La capitale lombarda cambia in meglio e diventa una città a misura di tutti. Mezzi di trasporto non inquinanti, percorsi pedonali e più servizi per ogni quartiere. Così Milano si prepara ad affrontare al meglio la convivenza con il Covid.

Ogni città italiana si prepara ad affrontare la fase 2 fra queste Milano la caapitale economica italianna cambierà in meglio e  si preparà a ripartire con un piano tutto nuovo alla pari delle grandi metropoli europee. Sarà una Milano diversa, migliore e forse anche più bella di ieri quella della fase 2, ma sarà sopratutto una città nuova. Ecco il video.

Milano 2020  fase 2

Il sindaco Sala ha fatto un lavoro ottimo, la nuova Milano sarà una città diversa che potremo attraversare in soli 15 minuti, ma non solo ci saranno più servizi in ogni quartiere. Tuttavia il piano delle riaperture  dopo il lokdown sarà graduale.

I punti fondamentali del progetto Milano 2020 tengono in considerazione che la convivenza con il virus non sarà breve, mentre la salvaguardia della salute delle persone sarà prioritaria rispetto al pareggio di bilancio.

Milano 2020 fase 2
IPa Press. Milano preparazione fase 2

Come sarà Milano dal 4 maggio

La Milano abituata a correre sempre cambia ritmo riorganizzando i suoi tempi e diventa così una città più vivibile. Ci saranno orari di lavoro più flessibile, mentre lo smart working continuerà per evitare assembramenti e consentire ai mezzi pubblici di rispettare le distanze di sicurezza.

Vedi anche: Cosa si può fare e cosa non si potrà fare il 4 maggio

Per quanto riguarda le riaperture in città, i parchi riaprianno gradualmente così come i centri sportivi dove non sarà consentito l’utilizzo degli spogliatoi.

Previste anche le riaperture delle piscine se consentite dal nuovo Dpcm Conte sulla fase 2. Questo non avverrà comunque subito, ma a partire dal mese di luglio.

Altro punto importante de progetto di riaperura di MIlano è la velocità dei mezzi che in molte zone della città verrà limitata a 30 Km orari per consentire più spazio a bar e ristoranti di mettere tavolini all’aperto nel rispetto della distanza di sicurezza.

E infine mentre Milano 2020 si prepara a ripartire il comune chiede a tutti di prestare attenzione alla solitudine degli anziani, la fascia più debole e più colpita dal Covid in Lombardia.

Vedi anche: Cosa accadrà il 4 maggio e dopo

 

 

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!