Meteo marzo come sarà il tempo secondo previsioni

Meteo marzo 2020 italia, in arrivo freddo pioggia, vento temporali per le previsioni. Ma il problema per gli esperti non è solo questo. Ecco la le ultime previsioni meteo

Dopo un febbraio decisamente atipico, con sole e meteo primaverile in tutta Italia, non è facile capire come sarà il tempo a marzo 2020. Proviamo però a rispondere a tale quesito, basandoci sulle indicazioni fornite dalle previsioni meteo realizzate dagli esperti del settore.

Novità: Previsioni meteo estate 2020, quando arriva il caldo

Vi diciamo subito che le ipotesi qui riportate non sono fondate su basi scientifiche, ma su ipotetiche previsioni, specie nel lungo periodo. Questo perché come stiamo vedendo in questi mesi invernali, ma insolitamente caldi, il clima muta spesso e risulta sempre più difficile prevederlo accuratamente.

Fatta questa premessa vediamo cosa aspettarci dal tempo durante il mese di marzo.

Meteo marzo 2020: previsioni

Nel mese di marzo, mese in cui inizierà la primavera, calendario alla mano, ci sono delle importanti novità per il meteo.

meteo primo novembre

Infatti, come riporta il sito ilmeteo.it, dopo settimane di bel tempo e temperature sopra la media, potrebbe finalmente arrivare un deciso e brusco cambiamento. In particolare dovrebbe arrivare tanta pioggia e in alcuni casi (solo in alta quota) anche la neve. Ciò in virtù dell’arrivo di una serie di perturbazioni dal nord atlantico, pronte a destabilizzare quello che sembra un clima quasi immutabili in questo periodo.

Insomma chi pensava che l’inverno fosse definitivamente alle spalle sulla nostra penisola, potrebbe ricredersi. Ma per un maggiore approfondimento, vi invitiamo a leggere il prossimo paragrafo.

Previsioni del tempo a marzo, cosa aspettarsi

Entrando nel dettaglio, secondo i principali siti di previsioni meteo, la prima settimana di marzo, arriveranno subito delle perturbazioni in Italia. Già da lunedì 2, infatti, dovrebbe formarsi un ciclone fra il mar Ligure e il mar Tirreno, con possibili violenti nubifragi sulle regione di quel versante.

Dunque potrebbero essere interessate, la Liguria, la Toscana, ma anche il Lazio e la Campania. Secondo le previsioni, questi fenomeni atmosferici potrebbero riguardare anche le città di Roma e Napoli, con raffiche di vento e abbassamenti di temperatura.

Nei primi giorni di marzo potrebbe rivedersi anche la neve, ma solo sull’arco alpino e oltre i 1.000 metri di quota, quindi in regioni come il Piemonte o la Valle d’Aosta.

Nelle settimane seguenti, ossia verso la metà di marzo, potrebbe verificarsi ulteriore instabilità, con nuovi temporali in tutta Italia. Questi però dovrebbero alternarsi con giornate di sole, sempre stando a quanto riportano i principali portali di informazione meteorologica.

Infine, gli ultimi 10 giorni del mese, quelli che sanciscono ufficialmente l’ingresso nella stagione primaverile (dal 20 marzo), dovrebbero essere all’insegna del bel tempo. Infatti, in questo caso, le temperature dovrebbero salire al di sopra delle media, con giornate gradevoli e scarse possibilità di precipitazioni o comunque inferiori al resto d’Europa.

Coronavirus e clima, esiste un collegamento?

Fin qui abbiamo parlato di ciò che potrebbe succedere nel prossimo mese di marzo, in base agli studi effettuati sulle previsioni del tempo.

Si tratta di un tema sempre attuale, perché soggetto a mutazioni, così come quello che in questi giorni imperversa ovunque, ossia il Coronavirus. Al riguardo il sito 3b meteo, ha provato a chiedersi se ci possa essere un collegamento fra la diffusione del contagio e il clima. Per rispondere a tale quesito sono stati intervistati due esperti, il professor Matteo Bassetti, direttore dell’ospedale San Martino di Genova e Giancarlo Icardi, professore all’università del capoluogo ligure.

In relazione all’ipotesi che l’arrivo del caldo possa favorire la sparizione del virus, come molti cittadini si augurano, gli esperti non hanno potuto dare certezza. Infatti, hanno affermato che si tratta di un fenomeno nuovo, con caratteristiche particolari. La cui trasmissione avviene mediante stretti contatti tra persone, più probabili in un periodo freddo, quando gli eventi sociali si svolgono in posti chiusi e affollati.

Tuttavia, secondo loro, non è possibile stabilire una correlazione fra il virus e le temperature, visto che le infezioni possono svilupparsi anche a 30 gradi. Viceversa, hanno smentito che il vento possa essere un veicolo significativo di trasmissione del virus. Infine, entrambi concordano sul fatto che a marzo il contagio dovrebbe aumentare e che è ancora presto per sapere se l’estate potrà proteggerci dal virus.

Insomma, il surriscaldamento climatico di questi mesi, che potrebbe riguardare anche alcuni giorni di marzo 2020, secondo gli esperti potrebbe non avere un effetto significativo sulla diffusione del virus.

Per quanto riguarda il meteo del mese di marzo queste ad oggi sono le previsioni

Related Posts

Ben tornato!