Manovra: si tratta sulle pensioni

Fornero-Camera-10
Le prime modifiche alla manovra arrivano sull’argomento pensioni. Non e’ ancora ufficiale ma la Commissione lavoro della Camera, con voto bipartisan, nel suo parere alla manovra, ha chiesto di elevare la soglie delle pensioni a cui mantenere l’adeguamento all’inflazione da 900 euro a 1.400, cioè il triplo delle minime. Questo, assieme all’aumento dell’esenzione Ici sulla prima casa, e a una diminuzione dei disincentivi per le pensioni di anzianità sono i tre punti su cui si sta lavorando. Perciò che concerne le pensioni, la richiesta e’ di garantire la loro rivalutazione fino a tre volte le minime e non più solo fino a due volte. Il vice-ministro Michel Martone ha annunciato ”interesse” alle proposte, purché si mantengano i saldi. Per la copertura la commissione ha indicato tre strade: intervenire sulle pensioni d’oro e sulle baby-pensioni con contributi di solidarietà, come chiedeva il Pdl, e di alzare l’aliquota ai capitali scudati, oggi all’1,5% come chiede il Pd. L’ex ministro Giorgia Meloni ha una idea precisa: identificare le pensioni d’oro (es. gli assegni venti volte le minime) dopo di che sottrarre la parte eccedente o una sua percentuale come ”contributo di solidarietà”. Invece ha poche chance un’altra copertura: riassegnare le frequenze Tv oggi date gratis con un’asta che darebbe un miliardo secondo il Pd. C’e’ un preciso ”no” del Pdl che difende le scelte del precedente governo.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!