Dramma Giglio: recuperata un’altra vittima

giglio23gennaio2012dsw

Sale a 13 il numero dei corpi delle vittime del naufragio della nave Costa Concordia che al momento sono stati recuperati, e 23 sono ancora le persone ufficialmente disperse e che risultano dagli elenchi di bordo di quella crociera, ma, nel frattempo la Concordia diventa la “nave dei misteri”. Delle vittime recuperate, 8 sono state identificate, 4 quelle ancora da identificare, per un totale di 12, mentre quanto alla 13ma vittima recuperata potrebbe forse essere una ungherese che però almeno per ora non risulta nella lista delle persone imbarcatesi. “A bordo della Costa Concordia potrebbero essere persone non reclamate, perché clandestine”, ha detto oggi il capo dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli e neo commissario delegato all’emergenza nel suo briefing quotidiano all’Isola del Giglio.
Questa dichiarazione va ad aggiungersi all’ipotesi che la scatola nera della Costa sia illegibile perché rotta. Ipotesi “inverosimile” secondo il commissario di bordo della ‘Costa Concordia’, Manrico Giampedroni, che all’AGI ha dichiarato quello che pensa delle voci ed indiscrezioni giornalistiche secondo cui la scatola nera della nave recuperata abbia subito nel naufragio dei danni tali da rendere difficile, se non impossibile la sua decrittazione. Danni che impedirebbero di portare chiarezza e punti fermi nell’inchiesta giudiziaria sulla tragedia avvenuta la sera di di venerdì 13 in prossimità dell’Isola del Giglio. “L’apparecchiatura – spiega Giampedroni – è collocata oltre la plancia di comando e quindi è ancor più protetta. Viene da chiedersi cosa si dovrebbe allora pensare delle scatole nere degli aerei che precipitano da migliaia di metri di altezza e dopo un impatto di grande rilevanza o anche quando ci sono esplosioni…”.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!