Dopo il 4 maggio si potrà uscire? Regole e limiti

Dopo il 4 maggio si potrà uscire oppure no? Quali sono le regole e i limiti della fine della quarantena in Italia sugli spostamenti?  Ecco cosa cosa succede dal 4 maggio

La fase 2 si avvicina e gli italiani vogliono sapere: dopo il 4 maggio si potrà uscire? Il nuovo dpcm varato dal premier Conte, ha allentato solo in minima parte le restrizioni agli spostamenti, lasciando ancora regole e limiti precisi da rispettare.

Proviamo a spiegarvi in questo articolo, chi può uscire dal 4 maggio, ossia l’inizio della fase due e quali sono le nuove disposizioni. Cosa è previsto per gli over 60 e se è permesso fare la spesa fuori dal proprio comune.

Italia Milano centro

Chi può uscire il 4 maggio?

Con l’ultimo decreto Conte sono state introdotte nuove disposizioni vigenti dal 4 maggio, l’inizio della fase 2. Vi è una conferma dei motivi che permettono di uscire con l’autocertificazione, già presenti in precedenza e l’aggiunta di nuove possibilità.

Vedi anche: Cosa si può fare e cosa non si potrà fare il 4 maggio

Per fare chiarezza ecco l’elenco di chi può uscire (con motivi e i limiti territoriali) munito di autocertificazione:

  • chi ha necessità di lavoro e può spostarsi sia all’interno della regione che da una regione all’altra.
  • Persone che hanno necessità, come ad esempio fare la spesa, acquistare farmaci, recarsi in banca e altre azioni necessarie, entro i confini regionali.
  • Chi ha urgenze di salute (anche fuori regione).
  • Coloro che si recano a trovare i propri congiunti (fra cui anche il fidanzato e la fidanzata), entro i confini regionali.
  • Chi fa attività fisica individuale e adesso può anche allontanarsi dalle vicinanze di casa.
  • Chi deve rientrare nel proprio domicilio o residenza, anche fuori regione. Divieto invece di andare nelle seconde case (ma non in tutte le regioni).

Vedi anche: Posso rientrare nel mio domicilio? Domande e risposte

Gli over 60 possono uscire?

Al momento le regole previste dal nuovo decreto valgono per tutti i cittadini italiani, senza distinzione per fasce di età. Tuttavia, non è da escludere che in un secondo momento venga attuata un’uscita scaglionata delle persone, specie per chi ha un’età più a rischio. Al riguardo il capo della task force del governo, Vittorio Colao, ha avanzato l’ipotesi di un esonero dal lavoro per gli over 60, che non potranno svolgere la loro attività tramite smart working.

Il presidente Giuseppe Conte ha però bocciato questa ipotesi, pur sottolineando l’intenzione di proteggere i più anziani e impedire che ci sia una seconda ondata di contagi. Bisogna vedere allora quale sarà il punto di sintesi al riguardo, quasi certamente non riguarderà il lavoro. Più probabile vi siano dei limiti agli orari di uscita per le persone più anziane, ad esempio dalle 10:00 alle 18:00, evitando quelli di punta.

Sull’argomento è intervenuto anche il presidente della regione Veneto Luca Zaia, affermando che secondo lui gli over 60 non dovrebbero subire restrizioni negli spostamenti. Per questo tipo di decisioni è comunque ancora presto, il governo farà le sue scelte in tal senso solo dal 18 maggio in poi, valutando l’andamento epidemiologico.

Vedi anche: Calendario riaperture maggio

Dal 4 maggio si può uscire dal proprio comune per fare la spesa?

In base a quanto previsto dal nuovo decreto, con la nuova autocertificazione dal 4 maggio, si potrà fare la spesa anche in un comune diverso dal proprio. Infatti, il dpcm 26 aprile consente di spostarsi sul tutto il territorio della propria regione e fare la spesa rappresenta una necessità.

Quindi, coloro che devono acquistare i generi alimentari e per la casa, dal 4 maggio non sono più costretti a farla all’interno del proprio comune, come succedeva durante il lockdown. Sarà però necessario portare sempre l’autocertificazione con se ed esibirla in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine. Non sarà invece possibile fare la spesa al di fuori dei propri confini regionali.

Questo è quanto previsto attualmente dalle nuove disposizioni dal 4 maggio. I cittadini hanno avuto qualche piccola concessione in più, resta però fortemente limitata la loro circolazione. Insomma, se è vero che più persone dal 4 maggio potranno uscire di casa e altrettanto vero che le regole da rispettare restano stringenti e non si potrà ancora uscire senza un valido motivo per ora.

Vedi anche: Vacanze 2020 si faranno o no? Andremo al mare in estate?

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!