Home»Salute»Psiche&Corpo»Insonnia: i rimedi della nonna per dormire bene

Insonnia: i rimedi della nonna per dormire bene

0
Shares
Pinterest Google+

Soffri di insonnia? Ecco alcuni rimedi della nonna per favorire il sonno. Niente medicine ma solo rimedi naturali e qualche piccolo trucco per dormire bene.

Insonnia rimedi

Dormire è importantissimo. L’insonnia ci rovina le giornate, le notti e, a lungo andare, anche la vita. Ci rende irritabili e nervosi, depressi e ansiosi, stanchi e, aspetto secondario ma non troppo, rovina il viso ad esempio provocando fastidiose occhiaie. Se persiste da tempo rivolgetevi al vostro medico che vi saprà indicare un percorso di cura adeguato. Ma nel frattempo, se volete evitare le medicine, ci sono alcuni rimedi naturali contro l’insonnia, un disturbo che colpisce un po’ tutti, adulti e bambini. Chiamiamoli rimedi della nonna, anche se aggiornati ai nostri tempi. Alcuni sono classici e perfino banali, altri sono più originali e forse non ti sono mai venuti in mente. Se non riesci a dormire bene, prova tutti questi trucchi e vedrai che prima o poi la situazione cambierà.

I rimedi naturali contro l’insonnia

Tisane contro l’insonnia

Esistono decine di erbe dalle proprietà calmanti e rilassanti che da sempre vengono usate per favorire il sonno. Parliamo della classica tisana della buonanotte, uno dei più usati rimedi della nonna contro l’insonnia. Tra le erbe più amate: camomilla, tiglio, passiflora, tiglio, melissa, e ovviamente la valeriana, molto conosciuta e molto usata. Anche se si parla di rimedi naturali, non fate da soli: chiedete consiglio a un erborista, un farmacista o al vostro medico.

Mangiare presto e leggero

La digestione è collegata al nostro benessere psicofisico e dunque al nostro sonno. Mangiare pesante poco prima di andare a letto vi garantisce una notte faticosa, di sicura insonnia. Anche questo è un consiglio che vi darebbe la nonna: mangiate presto, mangiate leggero, e magari fate una piccola passeggiata dopo cena. Non troppo movimentata, o sortità l’effetto opposto, ma è importante non mettersi subito a letto dopo mangiato per evitare il fastidioso reflusso.

Attività fisica durante il giorno

Sembrerà banale, ma è più facile dormire se si è stanchi. L’attività fisica rilassa il corpo e, stimolando il rilascio di serotonina e endorfine, ci rilassa e influisce sulla regolazione del sonno. Almeno mezz’ora di camminata veloce ogni giorno, assieme a uno stile di vita dinamico, ci aiutano ad arrivare stanchi e rilassati a letto e a dormire meglio.

Meditazione

La meditazione è una pratica che aiuta il benessere interiore della persona e dunque anche il sonno. Meditare, detto banalmente, è rilassarsi profondamente, attraverso la respirazione e alcune pratiche facili da imparare. A molte persone inizialmente mette sonno: perfetto, dunque, se soffrite di insonnia.

Ascoltare musica rilassante

C’è musica pensata appositamente per la meditazione e per il relax. Se avete difficoltà a prendere sonno, o se vi svegliate nel cuore della notte senza riuscire più a chiudere occhio, potete provare ad ascoltare della musica rilassante a basso volume che vi accompagni lentamente tra le braccia di Morfeo.

Doccia o bagno caldo

Un altro glorioso rimedio della nonna contro l’insonnia: il bagno caldo! Anche qua lo scopo è rilassare corpo e mente, grazie all’effetto del calore che distende tutti i muscoli del corpo. E’ un po’ come tornare nel liquido amniotico della pancia della mamma. Se il bagno vi sembra troppo lungo o non avete la vasca, va bene anche una bella doccia calda, da fare poco prima di mettersi a letto.

Serenità di coppia

Litigare o discutere con il tuo lui o la tua lei poco prima di andare a dormire, non è una buona idea. Difficilmente, a meno che non abbiate il cuore di ghiaccio, passerete una bella notte. La serenità di coppia è importante per un buon sonno. Anzi: alcuni studi dimostrano che scambiarsi effusioni, coccole e carezze prima di dormire, ci fa dormire meglio. Insomma, l’amore contro l’insonnia.

Leggere un libro

Un’altra azione semplice e tradizionale, dai tempi della favola della buonanotte (magari raccontata proprio dalla nonna). Leggere un libro ci rilassa e ci aiuta a non pensare a piccoli e grandi drammi della giornata che spesso ci rovinano la fase di rilassamento che precede il sonno. Bastano anche poche pagine: se poi il libro vi prende e non riuscite più a smettere, beh, ancora meglio. Ai primi sbadigli però mettetelo sul comodino, spegnete la luce e buonanotte.

Un letto comodo

Un rimedio più naturale di questo non c’è: un letto comodo. Non sottovalutate questo aspetto. E’ vero che quando si è stanchi si può dormire anche seduti o per terra, c’è chi ci riesce. Ma se avete problemi di insonnia dovete fare in modo di creare tutte le possibili condizioni favorevoli a una buona dormita. E dormire su un letto scomodo, piccolo, con un materasso tutt’altro che confortevole, non aiuta di certo.

No Comment

Leave a reply

Previous post

Saponi ecologici: sai come riconoscerli?

Next post

Le idee più strane della moda viste di recente. Gaffe e provocazioni volute?