Home»News»Cronaca»Roma: bimbi ricoverati dopo aver bevuto acqua in pizzeria

Roma: bimbi ricoverati dopo aver bevuto acqua in pizzeria

0
Shares
Pinterest Google+

Bimbi ricoverati con nausea e bruciori in gola dopo aver inghiottito dell’acqua sfusa in una pizzeria. Il fatto è accaduto nell’affollato quartiere di Trastevere a Roma.

roma bimbi ricoverati

Una serata che doveva essere allegra che si trasforma in un mezzo incubo con due bimbi che presentano bruciore alla gola e nausea dopo aver bevuto dell’acqua in una pizzeria. Il fatto di cronaca è accaduto a Roma, in uno dei quartieri più frequentati sia dagli abitanti della Capitale che dai numerosi turisti che la affollano: Trastevere.

I sintomi dopo aver bevuto acqua da una brocca

Due famiglie stavano cenando alla pizzeria-ristorante “Ai Marmi”, nel cuore di Trastevere. Un locale frequentato, in una zona di Roma molto affollata, in particolare la sera e il fine settimana.

I figli delle due coppie, due bambini di 7 e 8 anni, dopo aver bevuto acqua da una brocca servita in tavola, avrebbero cominciato a manifestare sintomi preoccupanti, vomito, bruciore in gola.

Il Messaggero, citando fonti ospedaliere del Bambine Gesù (ospedale dove i due piccoli sono stati immediatamente portati e ricoverati) ipotizza che nella brocca sia rimasto del brillantante o del detersivo.

In codice giallo al pronto soccorso

Uno dei due bambini avrebbe solamente messo l’acqua in bocca, spuntandola subito, ma l’altro avrebbe anche inghiottito un sorso. Entrambi sono stati portati in codice giallo e hanno subito ricevuto le prime cure in ospedale.

Nel locale è intervenuta anche la polizia che ha posto sotto sequestro la brocca sulla quale saranno operate tutte le indagini dalla scientifica. I genitori dei due bambini invece non avevano ancora bevuto dalla brocca e quindi non hanno manifestato alcun sintomo.

La pizzeria (3,5 su 5 come votazione su Tripadvisor) prende il nome dai suoi tavoloni in marmo dove si mangia vicini tra i vari commensali. Le specialità sono la pizza romana, il supplì, il baccalà.

Il Messaggero ha anche riportato le dichiarazioni dei proprietari cha hanno descritto gli avventori come “clienti abituali”, hanno parlato degli immediati soccorsi e ipotizzato un problema con la brocca, forse ancora sporca di detersivo, o l’acqua servita sfusa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous post

Ricetta sformato di carciofi rustico. Video

Next post

Aereo caduto in Francia: 148 morti