Home»Cucina»Alimentazione e salute»Le spezie usate nella cucina indiana

Le spezie usate nella cucina indiana

1
Shares
Pinterest Google+

Famosa per il largo uso di spezie, la cucina indiana è una delle più saporite e creative del mondo. Vediamo quali sono le spezie e le piante più usate, utili da conoscere anche per altre ricette.

La cucina indiana è una delle più diffuse al mondo, ha al suo interno migliaia di ricette diverse ma è caratterizzata soprattutto dall’uso di molte spezie. Vediamo quali sono le spezie più tipiche della cucina indiana, utili da conoscere e saper usare anche quando si fanno ricette della nostra tradizione culinaria italiana, spesso ideali per sostituire ad esempio il sale, oppure per dare un tocco originale e un po’ esotico a dei piatti classici.

spezie cucina indiana

Le spezie usate nella cucina indiana

Cardamomo

Come molte altre spezie, era usato anche per le sue proprietà curative. C’è quello verde, più buono e costoso, e quello nero, più economico. Ha anche proprietà digestive, è leggermente piccante ed è alla base di moltissime ricette.

Cumino

Usato per colorire e insaporire, spesso nel riso ma anche nella carne, ad esempio è presente nel classico curry di pollo.

Coriandolo

Spezia rinfrescante e molto versatile, il coriandolo viene usato nella cucina indiana sia per le foglie fresche sia per i semi essiccati. E’ presente anche nela garam masala e diciamo che è paragonabile al nostro amato prezzemolo.

Aneto

Altra pianta dalle proprietà curative e dal sapore deciso che ricorda il finocchio e l’anice. L’aneto sta benissimo ovunque, ad esempio nelle patate o nel riso.

Curcuma

Polvere giallo-arancio che negli ultimi anni si sta diffondendo anche in Italia, ha un sapore particolare e viene usata praticamente ovunque, dal riso ai contorni alla carne, ma è ottima anche nelle zuppe. E’ famosa per le proprietà anti-infiammatorie. E’ detta anche “zafferano indiano”, per il colore.

Zafferano

Anche nella cucina indiana si usa lo zafferano, prelibata e preziosa pianta molto diffusa anche dalle nostre parti. Si può aggiungere al latte, oppure, inutile dirlo, al riso o alle verdure.

Noce moscata

Altra spezia molto usata in varie cucine tradizionali, compresa quella indiana. E’ spesso presente nel curry o masala indiano, con pollo e riso.

Aglio

Non ha bisogno di presentazioni, dato che questa pianta è usatissima anche nella cucina italiana, da nord a sud. Molto presente in centinaia di ricette tradizionali, è proprio alla base di molti piatti, assieme alla cipolla, un po’ come per noi il soffritto.

Zenzero

Altra spezia dalle proprietà curative, antiossidanti, anti-infiammatorie e digestive, lo zenzero è un po’ piccante ma gradevole e viene usato nei soffritti o come condimento di verdure e carne assieme ad altre spezie.

Curry / Masala

Molti lo ignorano, ma il curry è in realtà una miscela di spezie e può variare da regione a regione. Quello molto famoso è senza dubbio quello indiano, chiamato però Masala. La miscela più nota è il Garam Masala ed è composto da cannella, cumino, coriandolo, cardamomo, chiodi di garofano, pepe nero e curcuma.

Perché usare le spezie nelle nostre ricette

Anche se una cucina troppo “speziata” ci può sembrare strana, in realtà anche in quella italiana le spezie si sono sempre usate, a partire dal prezzemolo, origano, salvia, peperoncino e via dicendo. Grazie alle cucine di altri paesi possiamo scoprire semplicemente delle alternative. Usare le spezie nella nostra dieta fa bene perché consente di variare i sapori e di usare meno il sale e altri condimenti, sostituendoli con spezie e piante che, oltre ad essere saporite, hanno spesso proprietà antisettiche e curative.

No Comment

Leave a reply

Previous post

Come assomigliare a Gigi Hadid: i suoi trucchi

Next post

Proroga bonus ristrutturazioni 2017: conviene davvero la detrazione al 50%?