Home»Cucina»Alimentazione e salute»Ravanelli, effetti benefici di un ortaggio con poche calorie

Ravanelli, effetti benefici di un ortaggio con poche calorie

0
Shares
Pinterest Google+

Poche calorie, molto calcio e molte vitamine. I ravanelli sono un ortaggio dagli ottimi effetti benefici. Vediamo quali e anche le controindicazioni.

ravanelli

Il ravanello è un ortaggio che cresce dalla primavera fino alla fine dell’estate, è molto amato anche in Italia ed è ottimo crudo in insalate o da solo con un po’ di sale o limone. Si tratta anche di uno di quei cibi particolarmente salutari e ipocalorici, dalle proprietà nutrizionali ottime e dagli effetti benefici significativi. Il ravanello infatti ha pochissime calorie (10-12 per ogni 100 grammi), è ricco di vitamina C e B, di minerali, di ferro e zolfo e ha inoltre proprietà disintossicanti. Ma ci sono anche alcune controindicazioni. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sui ravanelli.

Le proprietà dei ravanelli e i benefici

Per cosa fanno bene i ravanelli? Beh intanto sono buoni, ma a parte il gusto, sono un ortaggio particolarmente salutare. Hanno molto zolfo, ferro, sono un’ottima fonte di calcio, hanno proprietà disintossicanti che fanno bene al fegato, oltre a vitamine C e vitamine B. Contribuiscono inoltre come fonte di acido folico.

Nello specifico ecco i valori nutrizionali dei ravanelli per 100 grammi:

Calorie: 16
Grassi: 0,1 g
Acidi grassi saturi: 0 g
Acidi grassi polinsaturi: 0 g
Acidi grassi monoinsaturi: 0 g
Colesterolo: 0 mg
Sodio: 39 mg
Potassio: 233 mg
Carboidrati: 3,4 g
Fibra alimentare: 1,6 g
Zucchero: 1,9 g
Proteine: 0,7 g
Vitamina A:    7 IU    Vitamina C:    14,8 mg
Calcio:    25 mg    Ferro:    0,3 mg
Vitamina D:    0 IU    Vitamina B6:    0,1 mg
Vitamina B12:    0 µg    Magnesio:    10 mg

I ravanelli fanno ingrassare?

No! Sono un ortaggio assolutamente poco calorico, motivo per cui – considerando anche i benefici visti sopra – sono da includere nelle diete, soprattutto nei periodi in cui sono di stagione (ovvero dalla primavera in poi). Ovviamente non bisogna esagerare: la dieta dev’essere varia e i ravanelli devono integrarsi a tutti gli altri alimenti di cui abbiamo bisogno.

Ravanelli in gravidanza

In quanto cibi ipocalorici e ricchi di nutrienti, i ravanelli sono anche un ortaggio indicato in gravidanza. Ma senza esagerare. Se da una parte le proprietà nutritive dei ravanelli possono essere utili quando si aspetta un bambino o una bambina, dall’altra alcune delle controindicazioni ci portano a sconsigliare un utilizzo esagerato di questo ortaggio.

Ravanelli e controindicazioni

Come qualsiasi altro alimento, anche i ravanelli ovviamente hanno alcune controindicazioni, soprattutto se avete problemi di salute. Nello specifico: i ravanelli non vanno bene se soffrite di gastrite o colite o di reflusso, dato che sviluppano gas nell’intestino e possono irritare la mucosa intestinali. Sono sconsigliati anche in caso di calcoli renali, soprattutto in dosi abbondanti.

Come si mangiano? In insalata ma non solo

I ravanelli si possono mangiare con la buccia (lavateli bene) o senza. Senza alcun condimento, oppure con sale, olio o limone. Si possono aggiungere alle insalate tagliandoli fini oppure si possono frullare o utilizzare, assieme ad altri ortaggi come i cetrioli, per fare succhi detox.

No Comment

Leave a reply

Previous post

Bellezza naturale: 10 consigli di bellezza senza trucco

Next post

Tesla: berline e suv ecologici e di lusso